.
Annunci online

jangtsethoesam
"La casa della gentile disciplina"


S.S. il Dalai Lama


6 luglio 2009

BUON COMPLEANNO SUA SANTITA'

 dalai




permalink | inviato da jangtsethoesam il 6/7/2009 alle 18:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 febbraio 2009

Sua Santità il Dalai Lama cittadino italiano

DALAI LAMA CITTADINANZA ITALIANA ONORARIA
                             leggi notizia



NOI ITALIANI SIAMO FIERI DI AVERLO COME NOSTRO CONCITTADINO, POSSA QUESTO EVENTO ESSERE DI BENEFICIO PER LA PACE NEL MONDO






permalink | inviato da jangtsethoesam il 9/2/2009 alle 8:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


8 novembre 2008

TASCI DELEK PRESIDENTE OBAMA


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Obama

permalink | inviato da jangtsethoesam il 8/11/2008 alle 7:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


6 luglio 2008

LUNGA VITA A S.S. IL DALAI LAMA



S.S. il XIV Dalai Lama del Tibet

Sua Santità Tenzin Gyatso, 14° Dalai Lama del Tibet, è il capo temporale e spirituale del popolo tibetano. Nato con il nome di Lhamo Dhondrub il 6 luglio 1935 in un piccolo villaggio chiamato Taktser, nel nordest del Tibet, da una famiglia di contadini, all'età di due anni fu riconosciuto come la reincarnazione del suo predecessore, il 13° Dalai Lama e, secondo la tradizione buddista tibetana, come reincarnazione di Avalokitesvara, il Buddha della Compassione che scelse di tornare sulla terra per servire la gente.
Normalmente i tibetani si riferiscono a Sua Santità come Yeshe Norbu, cioè l"La gemma che esaudisce i desideri", o semplicemente Kundun, "La presenza".

La formazione in Tibet
Sua santità iniziò il proprio percorso educativo a sei anni, e conseguì il titolo di Geshe Lharampa (una laurea in filosofia buddhista) nel 1959, all'età di 25 anni. L'anno precedente aveva superato gli esami preliminari in ciascuna delle tre grandi università monastiche: Drepung, Sera e Ganden; l'esame finale si svolse nello Jokhang, a Lhasa, nel corso della festività annuale di preghiera del Monlam, che ha luogo durante il primo mese di ciascun anno secondo il calendario Tibetano.

L'educazione in Tibet
Il Dalai Lama iniziò la sua educazione all'età di sei anni e conseguì il diploma di Geshe Lharampa (o Dottorato in Filosofia Buddista) all'età di 25 anni, nel 1959. A 24 anni, sostenne gli esami preliminari in ciascuna delle tre università monastiche di Drepung, Sera e Ganden. L'esame finale ebbe luogo nel Jokhang, a Lhasa, durante la festività del Monlam che si svolge ogni anno durante il primo mese del calendario Tibetano.

L'assunzione delle responsabilità di governo
Il 17 Novembre 1950, dopo l'invasione del Tibet da parte di 80.000 soldati dell'Esercito di Liberazione Popolare, fu chiesto a Sua Santità di assumere i pieni poteri politici come capo di Stato e di Governo. Nel 1954 si recò a Pechino per avviare un dialogo pacifico con Mao Tse-Tung e altri leader cinesi, fra i quali Chou En-Lai e Deng Xiaoping. Nel 1956, durante una visita in India in occasione del 2.500° anniversario del Buddha Jayanti, ebbe una serie di incontri con il Primo Ministro Nehru e con il Premier Chou En-Lai in cui fu discusso il progressivo deterioramento della situazione all'interno del Tibet.

I suoi tentativi di soluzione pacifica del conflitto Sino-Tibetano furono vanificati dalla spietata politica perseguita da Pechino nel Tibet Orientale, politica che scatenò la sollevazione popolare e la resistenza. La protesta si diffuse nelle altre regioni del paese. Il 10 marzo 1959 nella capitale, Lhasa, esplose la più grande dimostrazione della storia tibetana: il popolo chiese alla Cina di lasciare il Tibet e riaffermò l'indipendenza del paese. La sollevazione nazionale tibetana fu brutalmente repressa dall'esercito cinese.
Il Dalai Lama fuggì in India dove ottenne asilo politico. Circa 80.000 tibetani lo seguirono e, attualmente, i profughi in India sono più di 120.000. Dal 1960, il Dalai Lama risiede a Dharamsala, una cittadina situata nello stato indiano dell'Himachal Pradesh, conosciuta anche come "la piccola Lhasa" e sede del Governo Tibetano in esilio.

Nei primi anni dell'esilio, Sua Santità si appellò alle Nazioni Unite per una soluzione della questione tibetana. L'assemblea Generale, rispettivamente nel 1959, 1961 e 1965, adottò tre risoluzioni nelle quali si esortava la Cina a rispettare i diritti umani dei tibetani e la loro aspirazione all'autodeterminazione.
Con la costituzione del Governo Tibetano in esilio, il Dalai Lama comprese che il suo primo obbiettivo doveva essere la preservazione della comunità tibetana e della sua cultura. I rifugiati tibetani furono inseriti in insediamenti agricoli. Fu sostenuto lo sviluppo economico e fu organizzato un sistema scolastico basato sull'insegnamento della cultura tibetana affinché i figli dei rifugiati potessero acquisire la piena conoscenza della loro lingua, storia, cultura e religione. Nel 1959 fu creato l'Istituto Tibetano delle Arti e lo Spettacolo e l'Istituto Centrale di Studi Tibetani Superiori divenne una Università per i tibetani in India. Allo scopo di preservare il vasto corpo degli insegnamenti del Buddismo tibetano, essenza del sistema di vita del popolo del Tibet, furono rifondati nell'esilio oltre 200 monasteri.

Nel 1963, Sua Santità promulgò una costituzione democratica, che servisse da modello per un futuro Tibet libero, basata sia sui principi del Buddismo sia sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Oggi i membri del parlamento sono eletti direttamente del popolo che, dalla primavera 2001, elegge direttamente anche il Kalon Tripa, o Primo Ministro, del governo tibetano. Il Primo Ministro, a sua volta, designa i componenti del proprio governo. Sua Santità ha continuamente sottolineato la necessità di democratizzare l'amministrazione tibetana e ha pubblicamente dichiarato che quando il Tibet avrà ottenuto l'indipendenza, non manterrà alcuna carica politica.

Nel 1987 a Washington, in occasione della riunione del Comitato del Congresso per i Diritti Umani, il Dalai Lama propose un
Piano di Pace in Cinque Punti come un primo passo verso la soluzione del futuro status del Tibet. Questo piano chiedeva la trasformazione del Tibet in una zona di pace, la fine dei massicci trasferimenti di popolazione di etnia cinese in Tibet, il ripristino dei fondamentali diritti umani e delle libertà democratiche, l'abbandono da parte della Cina dell'utilizzo del territorio tibetano per la produzione di armi nucleari e lo scarico di rifiuti radioattivi e, infine, auspicava l'avvio di "seri negoziati" sul futuro del Tibet.

A Strasburgo, in Francia, il 15 giugno 1988, il Dalai Lama elaborò il Piano di Pace in Cinque Punti proponendo la creazione di un Tibet democratico ed autonomo, "all'interno della Repubblica Popolare Cinese."

Il 2 settembre 2001 il Governo tibetano in esilio dichiarò non valido il Piano di Strasburgo a causa dell'atteggiamento chiuso e negativo della leadership cinese del tempo nei confronti delle idee espresse nel Piano.

Il 9 ottobre 1991, durante un discorso tenuto alla Yale University negli Stati Uniti, Sua Santità disse che desiderava visitare il Tibet personalmente per valutare la situazione politica. Disse: "Temo che una situazione così esplosiva possa portare alla violenza. Voglio fare del mio meglio per impedirlo … Il mio viaggio dovrebbe costituire una nuova opportunità per promuovere la comprensione e creare le basi per una soluzione negoziale."

Dopo quasi dieci anni di assenza di qualsiasi contatto formale tra Cina e Governo Tibetano in Esilio, nel settembre 2002 e nel giugno 2003 due delegazioni tibetane hanno potuto recarsi un visita in Cina e Tibet. Secondo Dharamsala, si è trattato di incontri preparatori ad un eventuale, futuro negoziato, miranti a creare le indispensabili premesse di distensione e fiducia. RENUDO

I contatti con l'Occidente
A partire dal 1967, Sua Santità ha intrapreso una serie di viaggi che lo hanno portato in circa 46 nazioni. Nell'autunno del 1991, ha visitato gli Stati Baltici su invito del Presidente lituano Vytautas Landsbergis ed è stato il primo leader straniero a tenere un discorso davanti al Parlamento Lituano. Il Dalai Lama ha incontrato Papa Paolo VI in Vaticano nel 1973. Durante una conferenza stampa a Roma, nel 1980, ha espresso le sue speranze alla vigilia dell'incontro con Giovanni Paolo II: "Viviamo in un periodo di grande crisi, un periodo in cui il mondo è scosso da turbolenti sviluppi . Non è possibile trovare la pace dell'anima senza la sicurezza e l'armonia fra le genti. Per questo motivo aspetto con fede e speranza di incontrare il Santo Padre; per avere uno scambio di idee e sentimenti e per raccogliere i suoi suggerimenti, per aprire la strada ad una progressiva pacificazione fra i popoli."
Il Dalai Lama incontrò Papa Giovanni Paolo II in Vaticano nel 1980, 1982, 1986, 1988 e 1990. Nel 1981, Sua Santità incontrò a Londra l'Arcivescovo di Canterbury, dr. Robert Runcie, e altri leader della Chiesa Anglicana. Ha incontrato inoltre i massimi rappresentanti della Chiesa Cattolica Romana e delle Comunità Ebraiche e ha tenuto un discorso durante un incontro interreligioso che si è tenuto in suo onore al Congresso Mondiale delle Religioni. Queste le sue parole: "Credo sempre che sia molto meglio avere una varietà di religioni e filosofie diverse piuttosto che una singola religione o una singola filosofia. E' necessario a causa della diversa disposizione mentale di ciascun essere umano. Ogni religione ha le sue peculiari idee e pratiche: imparare a conoscerle può solo arricchire la fede di ciascuno."

Premi e Riconoscimenti
Sin dalla sua prima visita in Occidente, all'inizio del 1973, numerose università ed istituzioni occidentali hanno conferito al Dalai Lama Premi per la Pace e Lauree ad Honorem, in segno di riconoscimento per gli approfonditi testi sulla filosofia buddista e per il ruolo svolto nella soluzione dei conflitti internazionali, nella questione dei diritti umani e in quella, a carattere globale, dei problemi ambientali. Nel 1989, nel proclamare l'assegnazione del premio Raoul Wallemberg per i Diritti Umani del Congresso, il deputato statunitense Tom Lantos disse: "La coraggiosa lotta di Sua Santità il Dalai Lama fa di lui un eminente sostenitore dei diritti umani e della pace nel mondo. I suoi continui sforzi per porre fine alle sofferenze del popolo Tibetano attraverso negoziati pacifici e la riconciliazione hanno richiesto un enorme coraggio e sacrificio."


Il Premio Nobel per la Pace
La decisione del Comitato Norvegese per il Premio Nobel di assegnare il Premio Nobel per la Pace 1989 a Sua Santità il Dalai Lama è stata accolta in tutto il mondo, unica eccezione la Cina, con applausi e consensi. L'annuncio del Comitato così recita: "Il Comitato vuole sottolineare il fatto che il Dalai Lama, nella sua lotta per la liberazione del Tibet, si è continuamente opposto all'uso della violenza. Ha appoggiato invece soluzioni pacifiche basate sulla tolleranza e sul reciproco rispetto con l'obiettivo di conservare l'eredità storica e culturale del suo popolo. Il Dalai Lama ha sviluppato la sua filosofia di pace sulla base di un grande rispetto per tutti gli esseri viventi e sull'idea di responsabilità universale che abbraccia tutto il genere umano così come la natura. E' opinione del Comitato che il Dalai Lama abbia formulato proposte costruttive e lungimiranti per la soluzione dei conflitti internazionali, del problema dei diritti umani e dei problemi ambientali mondiali".

Il 10 Dicembre 1989, Sua Santità accettò il premio a nome di tutti gli oppressi, di tutti coloro che lottano per la libertà e la pace nel mondo e a nome del popolo tibetano. Nel suo commento disse: "Questo premio costituisce un'ulteriore conferma delle nostre convinzioni: usando come sole arma la verità, il coraggio e la determinazione, il Tibet sarà liberato. La nostra lotta deve rimanere non violenta e libera dall'odio."

In quell'occasione, lanciò anche un messaggio di incoraggiamento al movimento democratico guidato dagli studenti cinesi. "Nel giugno di quest'anno, in Cina, il movimento popolare democratico è stato schiacciato da una forza brutale. Ma non credo che le dimostrazioni siano state vane perché lo spirito di libertà si è riacceso nel popolo cinese e la Cina non può rimanere estranea allo spirito di libertà che si va diffondendo in molte parti del mondo. I coraggiosi studenti e i loro sostenitori hanno mostrato ai leader cinesi e al mondo il volto umano di una grande nazione."

Un semplice monaco buddista
Sua Santità dice spesso: "Sono un semplice monaco buddista, niente di più e niente di meno."
Conduce la stessa vita dei monaci buddisti. Vive in una piccola casa a Dharamsala, si alza alle 4 del mattino per meditare, prosegue con un ininterrotto programma di incontri amministrativi, udienze private, insegnamenti religiosi e cerimonie. Prima di ritirarsi, conclude la sua giornata con altre preghiere. Quando vuole spiegare quali sono le sue più importanti fonti di ispirazione, spesso cita i suoi versi preferiti, tratti dagli scritti di Shantideva, un celebre santo buddista dell'VIII° secolo:
Finché esisterà lo spazio
E finché vi saranno esseri viventi,
Fino ad allora possa io rimanere
Per scacciare la sofferenza dal mondo


Biografia di S.S. il Dalai Lama tratta da: http://www.followingdalailama.it/dalailama/biografia.htm




permalink | inviato da jangtsethoesam il 6/7/2008 alle 17:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 dicembre 2007

A U G U R I




 " NON


 C'E' BISOGNO


DI TEMPI, NON C'E'


BISOGNO DI UNA FILOSOFIA


COMPLICATA.


 LA NOSTRA MENTE E IL
NOSTRO


CUORE SONO IL TEMPIO-LA MIA


FILOSOFIA E' BONTA"

                                     DALAI LAMA


UN BUON NATALE ALL'INSEGNA DELL'AMORE 

                     

                                                                                                       




permalink | inviato da jangtsethoesam il 24/12/2007 alle 11:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 dicembre 2007

IL XVI DALAI LAMA "IL TERRORISTA"

VEDI VIDEO

VEDI ANCHE
dalailama.jpg




permalink | inviato da jangtsethoesam il 16/12/2007 alle 13:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


13 dicembre 2007

DALAI LAMA: APPELLO ALL'ITALIA, AIUTATECI PER IL TIBET

  
DALAI LAMA: APPELLO ALL'ITALIA, AIUTATECI PER IL TIBET
di Luigi Ambrosino

Un "appello" all'Italia affinché aiuti il popolo tibetano nella sua difficile lotta per l'autonomia e la conservazione dei valori religiosi buddisti contro i tentativi di omologazione forzata da parte di Pechino. E' stato questo il senso del messaggio che il Dalai Lama - da stamattina in visita a Roma per partecipare all' VIII summit dei Premi Nobel per la Pace - ha affidato ai deputati e al primo inquilino di Montecitorio Fausto Bertinotti durante il suo discorso nella Sala della Lupa.

Bonario, ironico, sempre sorridente, il leader spirituale dei monaci buddisti ha trascorso la sua giornata romana partecipando prima in Campidoglio alla riunione dei nobel, poi incontrando la seconda e terza carica dello Stato, Franco Marini e Fausto Bertinotti. Come era stato annunciato nei giorni precedenti, nessun colloquio con il premier Romano Prodi e con il ministro degli Esteri Massimo D'Alema, decollati in mattinata per Lisbona dall'aeroporto militare di Ciampino una manciata di minuti prima dell'arrivo - nello stesso aeroporto - di Tenzin Gyatso. L'unico rappresentante del governo ad averlo incontrato, ma perché legato a lui da una lunga amicizia, è stato il sottosegretario agli Esteri Gianni Vernetti.

 Nei suoi ultimi due viaggi negli Stati Uniti e in Germania, il Dalai Lama era stato ricevuto - sebbene a titolo privato - dal presidente Usa George W.Bush alla Casa Bianca e dal cancelliere tedesco Angela Merkel, che di fronte alle critiche cinesi aveva chiarito senza giri di parole: "Nella mia veste di cancelliere federale, decido io chi ricevere e dove". In tutti i suoi interventi oggi a Roma - conditi da battute, applausi calorosi e da un invito costante alla "compassione" verso tutti gli uomini - Tenzin Gyatso ha ribadito che il Tibet non vuole "l'indipendenza, la secessione" dalla Cina, ma "autonomia" e rispetto del proprio patrimonio culturale e religioso. Insomma, i tibetani vogliono vedersi riconosciuti diritti di minoranza già sanciti dalla costituzione cinese, ma che Pechino rifiuta di considerare, negando persino l'esistenza di una questione tibetana. Per questo, si è appellato il Dalai Lama all'Italia, "abbiamo bisogno del vostro sostegno morale, pratico e concreto. E' importante per noi che dall'estero venga espressa preoccupazione" per la situazione in Tibet, perché "fino a quando i cinesi non si renderanno conto che non si può andare avanti in questa maniera, non si potrà trovare una soluzione".

Un appello al quale Bertinotti ha risposto manifestando tutta la "contrarietà " di Roma "a qualunque misura volta alla repressione di libertà religiose, civili e culturali", ma ribadendo sentimenti di "amicizia" verso la Repubblica popolare cinese. Mentre Marini ha salutato Gyatso "come uomo di pace e esempio nobile, cui la politica può attingere per farsi azione concreta per l'emancipazione della persona umana". Ma se la maggioranza sottolinea "la scelta di libertà" compiuta dal Parlamento nell'accogliere il leader della causa tibetana malgrado le forti pressioni cinesi, l'opposizione - per bocca dell'azzurro Sandro Bondi - accusa invece il governo di "profonda miopia politica" per aver rifiutato di incontrare ai massimi livelli il Dalai Lama. Con Stefania Craxi di Forza Italia che arriva a definire "vile" il comportamento di Prodi.

 E non è solo l'esecutivo ad essere preso di mira. Alleanza Nazionale si scaglia anche contro "il Bertinotti amico della Cina", che oggi "ha dimostrato di essere più un comunista che il presidente della Camera": "Con le sue parole di elogio e di amicizia verso la Repubblica popolare cinese, responsabile di vessazioni inaudite contro il popolo tibetano e contro gli stessi cinesi - sostengono a via della Scrofa -, Bertinotti è stato scortese ed inadeguato".

Più "capo di un centro sociale comunista" che presidente della Camera. Polemiche che Bruno Mellano - coordinatore dell'Intergruppo parlamentare per il Tibet e deputato radicale della Rosa nel Pugno - definisce "sterili": "L'Intergruppo parlamentare per il Tibet - assicura Mellano - è grato ai presidenti Bertinotti e Marini per l'accoglienza che hanno deciso di riservare al leader nonviolento della causa tibetana Tenzin Gyatso". Di più, aggiunge, Bertinotti "ha il merito di aver per primo apprezzato l'importanza per le istituzioni democratiche di offrire un diritto di tribuna al Dalai Lama nonostante le pressioni cinesi".
Notizia ANSA




permalink | inviato da jangtsethoesam il 13/12/2007 alle 22:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


8 dicembre 2007

Beppe Grillo dona il suo blog al Dalai Lama

 LEGGI NOTIZIA sul blog di Beppe Grillo ( http://www.beppegrillo.it/ )


S.S. Dalai Lama è a Milano al Ghe Pel Ling Istituto Studi di  Buddhismo Tibetano
Si può visionare il programma cliccando su http://www.dalailama-milano2007.org/italiano/il_programma,2,15.html




permalink | inviato da jangtsethoesam il 8/12/2007 alle 19:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


6 dicembre 2007

"MI MANCA WOJTYLA"

 <b>Dalai Lama: "Mi manca Wojtyla<br>un grande uomo meraviglioso"</b>
la Repubblica.it

SUA SANTITA' E' IN ITALIA DAL 5 AL 16 DICEMBRE

Dalai Lama arrivato in Italia
E' sbarcato a Malpensa, restera' cinque giorni a Milano
(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Il Dalai Lama e' giunto stamani all'aeroporto di Malpensa con un volo Alitalia proveniente da Delhi. Ad accoglierlo l'amica Laura Gancia e il capo del Tibet Bureau Kelsang Gyaltsen, che risiede a Ginevra. Oggi il Dalai Lama dovrebbe trattenersi per tutto il giorno in albergo e nel suo programma non e' previsto nessun incontro, ne' privato ne' politico. Il suo programma prevede una permanenza a Milano di cinque giorni prima di altre tappe italiane.

CLAMORE...RUMORE

BEPPE GRILLO  ha chiesto di incontrare il Dalai Lama

clicca per vedere il video ( Piacenza Marzo 2007 )

basta guardarlo per avvertire una ventata di pace, esempio vivente di amorevole compassione, Oceano di Saggezza, benvenuto su questa terra




permalink | inviato da jangtsethoesam il 6/12/2007 alle 21:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 dicembre 2007

"POTREI RINASCERE DONNA"

DICHIARA S.S. DALAI LAMA...STUPISCE, AFFASCINA, INDIGNA 
  ( XIV Dalai Lama da bambino )
LEGGI NOTIZIA

"IN QUALUNQUE FORMA PRENDERAI FORMA,
NOI,TUOI DISCEPOLI SAPPIAMO CHE SARA'
PER IL BENEFICO DI TUTTI GLI ESSERI"




permalink | inviato da jangtsethoesam il 5/12/2007 alle 17:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


1 dicembre 2007

SUA SANTITA' TENZIN GYATZO XIV DALAI LAMA

...sarà a Milano il 6-7-8 dicembre 2007, ospite dell' Istituto Studi di Buddhismo Tibetano Ghe Pel Ling

Rigioiamo e ringraziamo gli organizzatori di questo gandissimo evento.
l'Istituto Studi di Buddhismo Tibetano Ghe Pel Ling, esiste  dal 1978, è diretto dal Venerabile Lama Thamthog Rinpoche

Anche quella volta che avemmo la fortuna di ascoltare gli Insegnamenti di S.S. presso il Paladino di Milano, nel 1999, furono organizzati dal centro buddhista Ghe Pel Ling.
 
Che questo grandissimo evento possa arrecare nei nostri cuori la spinta ad un agire gentile e altruistico, a farci comprendere che tutte le "cose" tremende dell'esistenza ciclica sono causate da comportamenti dettati dall'ignoranza, dall'odio e dall'attaccamento.
Che l'esempio di pace vivente di Tenzin Gyatzo ( Oceano di Saggezza ) venga preso a modello da coloro che governano i popoli di questo pianeta, così da porre risoluzioni ai drammi che affligono l'umanità intera e la Madre Terra.
Con l'augurio che tutti i popoli oppressi possano realizzare il loro sogno di libertà.
Che il popolo tibetano continui a custodire il suo tesoro di cultura millenaria e di fa ritorno nell'amata patria.
Per il beneficio di tutti gli esseri, per la volontà di tutti i Maestri del passato, del presente e del futuro di tutte le tradizioni.




permalink | inviato da jangtsethoesam il 1/12/2007 alle 13:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 ottobre 2007

LA MEDAGLIA



I tibetani in patria vorrebbero festeggiare l'evento...ma non possono, altrimenti vengono violetemente percossi o arrestati, in India è gioia grande
anche nel nostro cuore..
leggi notizia




permalink | inviato da jangtsethoesam il 19/10/2007 alle 0:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
"Il Mandala Risultante"
EVENTI
NEWS
brochure
INIZIAZIONI
interviste
Ritiri
interventi
spettacolo "TRIKAYA"
video & foto
corsi
conferenze
"Insieme per la Birmania"
corso di meditazione
mass media
S.S. il Dalai Lama
CERIMONIE
Sonam Cianciub
Insieme per l'Ahimsa
FREE TIBET
PREGHIERA
OLUS
VESAK
Appelli
programmi
CO.RI.TA

VAI A VEDERE

http://www.dalailama.com/
Jangtse Thoesam su Facebook
sito Jangtse Thoesam
Monastero di Gaden
Samantabhadra ( Roma )
Maitri ( Torino )
Jang Chub ( Bergamo )
Monastero di Pomaia
Geluk
Tibet & buddhismo in Italia
associazione Italia-Tibet
associazione U.B.I.
la_casa_della_gentile_disciplina
il Sentiero del Tibet
EWAM
motore di ricerca di siti buddhisti nel web
AMECO
http://www.dossiertibet.it/
Asia olus
Bodhi Path



SIAMO SOLIDALI CON IL POPOLO TIBETANO E ADERIAMO A TUTTE LE MANIFESTAZIONI PACIFISTE
ASSOCIATO ALLA GADEN JANGTSE FEDERATION-EUROPE

         
     
    (Chan Tze Tosam, l'unico centro
del sud d'Italia con un Lama residente)
ISTITUTO BUDDISTA MAHAYANA
      ( associato all' U.B.I. )   
   
         
     GUIDA SPIRITUALE:
IL VEN.GHESCE
THUBTEN NAMGYAL (dal 1998)

ascolta il mantra 

Tibet & Buddhismo italiano
 http://www.padmanet.com/

VIALE KENNEDY,15 LITORANEA SALENTINA
74020 LEPORANO-TARANTO
tel/fax: 0995334040
e.mail: jangtsethoesam@liero.it
sito:http://www.padmanet.com/ctt/default.htm     

Sul sito web troverete le informazioni
riguardanti il Maestro, il Centro stesso,
il programma, le adozioni a distanza a
beneficio dei tibetani che, come saprete
è un popolo profugo; sul sito troverete,
inoltre, una mappa che indica la precisa
posizione di dove ci troviamo.

 S.S. il XIV Dalai Lama Tenzin Ghyatso
(Oceano di Saggezza)


I MAESTRI DI GADEN CHE
HANNO UNA RELAZIONE
CON IL CENTRO DI GANDOLI

da sinistra verso destra i Venerabili Ghesce: Lobsang Sherab,
Thubten Namgyal, Sonam Gyaltsen e Sonam Cianciub
 il Ven. Lobsang Sangye
 e l'indimenticabile
Ghesce Ciampa Ghyatson, che é stato il primo Lama a
dare Insegnamenti nella città di Taranto

La bandiera tibetana sventola insieme a quella europea italiana
e tarantina (25 Aprile 2008)






Il primo centro Jangtse Thoesam (Chan Tze Tosam)
in Via Orazio Flacco, fondato dal Ven. Ghesce Sonam Cianciub
(anno 1997)

CERCA