Blog: http://jangtsethoesam.ilcannocchiale.it

HAPPY LOSAR 2008

Sul tavolo della sala delle conferenze, della Biblioteca Comunale “Acclavio” (08/02/2008) le offerte della luce, come a richiamare le 10.000 candeline accese per la Birmania, durante la manifestazione del 10/10/2007 in Piazza della Vittoria a Taranto, quando l’attenzione sul dramma di quel paese era ancora alta e mondiale
Insieme per l’Ahimsa ha voluto dedicare il LOSAR (capodanno) tibetano (che quest’anno cadeva tra l’uno e il dieci febbraio) al popolo della Birmania, affinché il sogno di speranza di Aung San Suu  Kyi, leader del della Lega nazionale per la Democrazia,  premio Nobel per la pace e tuttora agli arresti domiciliari, si avveri, un sogno di libertà, di pace e di prosperità.
                                                                    
Sul leggìo il libro della straordinaria Aung San Suu Kyi: “ Lettere dalla mia Birmania” .
Durante la serata  <<Birmania: società civile e monachesimo.Un dramma ed un esempio per il mondo>> scorrevano sullo sfondo le bellissime foto di Gianna Tarantino“Preghiera a Taranto 10.000 candeline per la Birmania 10/10/2007”.
Ad apertura di serata Deborah Vasco in lingua tibetana e Lia D’Arcangelo in lingua italiana hanno recitato il Tesoro delle benedizioni rituale “del Buddha Sakyamuni”
Lia ha spiegato il significato del Losar e ha motivato la scelta del comitato “Insieme per l’Ahimsa” (nato a Statte -Ta- presso l’antichissimo sito del megalitico “Canale della Zingara”), che chiarisce le sue scelte in azioni e verbi per la pace.
Subito dopo è intervenuta la Prof.Cinzia Carducci, relazionando in maniera chiara e coincisa le posizioni dell’Ahimsa dal punto di vista di Mahatma Gandhi
Lia ha letto un manifesto in chiave poetica di quello che è la visione dell’Ahimsa (suo il testo)
A seguito l’intervento dello storico, Prof. Pieto Tamburrano, appartenente al “Comitato Cittadini Attivi” di Bernalda e Metaponto (MT), un’accurata analisi della Birmania dalle sue origini sino ad arrivare alla ferocia della dittatura dei giorni nostri e chiaramente alla rivolta dei monaci buddisti del 2007
La recitazione (da parte di Lia) del “Metta Sutta” (il Sutra dell’Amorevolezza=canto libero dei monaci birmani) simultanea al bellissimo video Free Burma, girato durante l’ormai nota manifestazione del 10 ottobre da: Ettore Vergara, Lorenzo Di Pierro e Francesca De Leonardo, ha suscitato profonde emozioni
Letizia Gangemi responsabile del gruppo di Taranto, Amnesty International, ha invitato i presenti a firmare gli appelli della “Campagna Cina”. Bello il suo intervento (LEGGI INTERVENTO) seguito dalla sua composizione il  Rap della pace”
Poi, Guglielmo Colombi Presidente dell’Associazione Saraswati di Taranto, ha illustrato la tragica situazione del popolo tibetano, mentre Deborah interprete dell’Istituto Jangtse Thoesam di Taranto, ha dibattuto sull’importanza di salvaguardare alcuni  monumenti buddisti tibetani che sono stati dichiarati dall’UNESCO, patrimoni dell’umanità: Potala, Norbulingka e Jokang ed altri che dovrebbero essere ancora inseriti: Monasteri di Gaden, Drepung e Sera
Giancarlo Magno, psicoterapeuta, riallacciandosi a quanto detto dalla relatrice Cinzia a proposito di Gandhi ha ribadito la scarsa attenzione dei media sulla recente ricorrenza dei sessant’anni dalla sua morte ed ha spiegato che la non-violenza è una pratica che tutti dovremmo attivare nella nostra vita quotidiana
Anna Pierri ha recitato con intensità Chiamami con i miei veri nomi di Thich Nhat Hanh
Ha concluso la serata l’intervento di Kali, invitata a parlare sulla fratellanza umana, che però ha preferito interagire con il pubblico e sperimentare energeticamente cosa può concretamente significare amare l’altro.
Kali ha affermato che è possibile cambiare la realtà trasformando in primis la propria mente che è di base una mente duale
Ormai si era fatto tardi, una parte del pubblico per niente stanco ha chiesto di poter incontrare ancora Kali che ci ha entusiasmato con l’audace tesi che basterebbero 40 persone per cambiare l’amara realtà di Taranto
Ci siamo dati appuntamento su questo blog, per divulgare data, luogo ed orario di un prossimo incontro con Kali
"Insieme per l’Ahimsa” ha in mente un grande progetto che ci sembra fattibile, innovativo e soprattutto creativo; vogliamo incontraci in tutti i quartieri della città, partendo dal suo cuore che è il borgo antico, per poi ritornarci….ma non vogliamo togliere l’effetto della scoperta, per il momento lasciamoci con la voglia di ricontrarci…
Ripetiamo i ringraziamenti:Alla Biblioteca Comunale Acclavio, in  particolare alla Direttrice Gabriella Massa che questo anno andrà in pensione, amabile persona che si è sempre dimostrata sensibile e disponibile
Al sindacato C.G.I.L. che gentilmente ci ha prestato il videoproiettore
Ad Anna Pierri, Cinzia Carducci, Deborah Vasco, Ettore Vergara, Francesca De Leonardo, Giancarlo Magno, Gianna Tarantino, Gigi Binetti, Giuse Ventura, Guglielmo Colombi, Kali, Letizia Gangemi, Lia D’arcangelo, Lorenzo Di Pierro, Mimmo Benegiano, Omar Semeraro, Pietro Tamburano
Ai 3 partnerships: Amnesty International, Centro Saraswati, Istituto Jangtse Thoesam
Al Ven Ghesce Namgyal che dall’India ci è stato vicino, porgendoci un caloroso felice Losar e al Ven. Lobsang Sanghye che ci ha suggerito il titolo della conferenza
Al  Comitato Cittadini Attivi di Bernalda e di Metaponto
Ad Aung San Suu Kyi e al popolo della Birmania
Al Mahatma Gandh
A S.S. Il Dalai Lama ed alla comunita’ dei profughi tibetani del Monastero di Gaden
A tutti i presenti tasci delek(buona fortuna)
Happy Losar a tutti gli esseri senzienti.

 

 

 


Pubblicato il 13/2/2008 alle 20.56 nella rubrica "Insieme per la Birmania".

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web